Silenzi di pianura, parole di fiume

Come il personaggio che esce dallo schermo ne “La rosa purpurea del Cairo” per abbracciare la spettatrice in sala, innamorata di lui, così Umberto Bellintani mi è venuto incontro con un cappello di paglia logoro, calzato all’indietro e un volto che lascia poco all’intuito, uscendo da un film. “Affettuosa presenza” è una poesia in immagini di Franco Piavoli che ripercorre la corrispondenza – lunga quasi quanto la vita – di Umberto Bellintani con l’amico-poeta fiorentino Alessandro Parronchi.
Il poeta è talmente legato alla sua terra mantovana da non riuscire a staccarsene né dopo l’esperienza della guerra in Africa e della prigionia in Germania e nemmeno dopo aver frequentato il mondo intellettuale milanese negli anni Cinquanta e Sessanta, che lo accoglie con entusiasmo ed esalta la sua originale voce poetica – pubblica la prima raccolta “Forse un viso tra mille” nel 1953 – ma che non risponde al suo profondo bisogno di verità. E presto lo abbandona per tornare al suo paese, S. Benedetto Po, dove resta sino alla fine della sua vita, e dove per vivere, lavora come segretario in una scuola. Una vita che segue la monotonia del quotidiano, ma si illumina nel sognare viaggi dall’altra parte del mondo, che si scontra con la durezza della povertà ma si intenerisce con la ricchezza dell’ispirazione poetica.

Adelmina Albini

Commenti disabilitati su Silenzi di pianura, parole di fiume

Archiviato in libri

I commenti sono chiusi.